Sfratto telematico

Molti dei nostri lettori lettori ci scrivono per chiederci consiglio in relazione agli inquilini che in questo periodo non stanno pagando l’affitto.

La domanda più frequente che ci rivolgono è in relazione ai canoni non pagati in questi mesi è possibile avviare una procedura di sfratto per morosità?

I provvedimenti emergenziali relativi al COVID19 non hanno inserito nessuna sospensione in relazione ai canoni di locazione previsti dai contratti di locazione in corso di validità.

I proprietari pertanto possono pretendere il pagamento di tutti i canoni maturati.

Il pagamento tuttavia non potrà essere preteso immediatamente in quanto il mancato pagamento nel corso dell’emergenza non potrà essere considerato avvenuto con colpa del debitore.

La normativa di emergenza, invece,ha istituito un credito d’imposta pari al 60% dell’ammontare del canone di locazione del mese di marzo 2020, tale disposizione dovrebbe essere estesa al mese di Aprile.

L’agevolazione però può essere richiesta solo in relazione alla locazione degli immobili rientranti nella categoria catastale C/1, quindi negozi e botteghe.

Tale bene non è concesso a tutti, in quanto sono esclusi gli esercenti attività di impresa che sono rimaste aperte in quanto considerate essenziali.

Dobbiamo segnalare che informalmente molti inquilini e  proprietari si sono accordati in via bonaria per una riduzione al 50% del canone di locazione per i mesi dell’emergenza.

Per coloro che non volessero accordarsi con gli inquilini e decidessero di procedere al recupero dei canoni non pagati oppure alla liberazione dell’immobile consigliamo il sito sfrattopermorosità.it attraverso il quale è possibile avviare la procedura di sfratto o di recupero comodamente da casa.

Avvocati 2.0

La professione da avvocato oggi è soggetta a sfide sempre più complesse e difficili.

La sempre maggiore specializzazione delle singole branche del diritto, il proliferare degli adempimenti fiscali e burocratici imposti agli studi legali, la concorrenza sempre più agguerrita e la pressione fiscale elevatissima sono solo alcune delle problematiche che attanagliano la categoria degli avvocati.

Per vincere tali sfide i professionisti 2.0 stanno provando ad elaborare varie soluzioni.

L’aggregazione e lo sviluppo di economie di scala è sicuramente una delle carte migliore che i professionisti di oggi possono giocare.

Astrea S.p.a. è un ottimo esempio di modello aggregativo.

Un gruppo di avvocati ha costituito una società per azioni che riesce a coniugare l’efficienza e la forza della grande struttura con la flessibilità dello studio legale artigianale.

Recupero crediti 2.0

Il recupero crediti negli ultimi anni sta vivendo una profonda evoluzione.

Grazie allo sviluppo delle nuove tecnologie le società di recupero crediti hanno la possibilità di individuare i beni di proprietà del debitore che è possibile aggredire.

In particolare accedendo ad una serie di banche dati è possibile, in pochissimo tempo,
conoscere la residenza del debitore e individuare tutti i beni di proprietà dello stesso sia mobiliari che immobiliari.

Le nuove tecnologie danno agli operatori del settore anche la possibilità di effettuare un numero di solleciti molto elevati in un lasso di tempo molto ristretto.

Adoperando PEC e mail è possibile effettuare una pressione costante sul debitore a costi praticamente nulli per le società.

Ulteriore elemento di innovazione che favorisce l’attività di recupero crediti sono i sistemi gestionali sempre più avanzati ed efficienti.

Grazie a tali software gli operatori del settore riescono a monitorare con continuità la performance dell’attività di recupero e ad acquistare una sempre maggiore efficacia operativa nello svolgimento delle singole attività di recupero.

La rivoluzione della cannabis light in Italia

Con la Legge 242/2016, in Italia è stata liberalizzata la commercializzazione della canapa industriale con contenuto di THC inferiore allo 0,6%.

Dalla stampa e dai media questo nuovo prodotto è stato denominato cannabis light o erba legale. In sostanza, si tratta di infiorescenze di cannabis sativa essiccate, che vengono vendute al dettaglio per uso tecnico o collezionistico.

La cannabis light, seppur povera di THC, ha un alto contenuto di CBD, che è un principio dalle enormi proprietà terapeutiche.

Infatti, il CBD ha un effetto rilassante per corpo e mente. Inoltre, ha anche proprietà antibatteriche, anti nausea e allevia i dolori mestruali.

La cosa fondamentale che distingue il CBD (legale) dal THC (illegale) è che il primo non ha effetto psicoattivo e quindi non è considerato una droga.

Abbiamo ricevuto e assaggiato dei campioni di cannabis light da weed24, un brand che per primo in Italia ha avviato la vendita al dettaglio di infiorescenze di cannabis light in negozi automatici aperti 24/7 (4 negozi a Roma) e attivi anche nell’e-commerce sul sito www.weed24.it

Siamo rimasti davvero stupiti dall’aroma e dall’effetto dei prodotti di weed24. La straordinaria Caramel Lemon e la Strawberry Kiss, personalmente le mie preferite, mi hanno colpito per il profumo fruttato e per la sensazione di estrema rilassatezza che ho avvertito dopo.

Effettuano spedizioni in tutta Italia e sono davvero gentili; il rapporto qualità prezzo è davvero imbattibile. Non vedo l’ora di provare altri prodotti weed24.